Rifiutare, ribellarsi e accettare il diabete

La diagnosi del diabete è un momento delicato. Difficile da accettare e duro da vivere. Ed è proprio in questi momenti che nascono spontanee alcune domande che la psicologia medica ha codificato in una serie di fasi che corrispondono al periodo di rifiuto, ribellione, compromesso, depressione e accettazione attiva del diabete. Non si tratta comunque di una strada a senso unico: i passaggi da una fase all’altra non sono automatici e non escludono che, anche durante la fase di accettazione attiva, non ci siano ricadute nelle fasi precedenti.

Rifiuto e ribellione: perché proprio a me il diabete?

Spesso, quando viene diagnosticato il diabete, la prima reazione è il trauma e la negazione della realtà. Uno dei comportamenti più frequenti osservati è un tipo di sindrome di incoscienza in cui si vive come se la patologia non ci fosse e si rifiuta qualsiasi terapia. Una seconda fase può essere quella di ribellione al diabete. Domande come “Perché doveva capitare proprio a me?” “Perché al mio bambino?” “Che cosa ho fatto di male?” sono naturali espressioni del disagio indotto da questa patologia.

Compromesso con il diabete: cure sì, cure no

La terza fase, secondo molte ricerche di psicologia medica, è quella di patteggiamento e di accettazione parziale della realtà. In questo periodo il paziente segue la cura ma applicando solo alcuni e non tutti i suggerimenti terapeutici prescritti dal medico. In questa fase gli psicologi hanno evidenziato ancora una componente residuale del periodo di rifiuto e ribellione. Il paziente, in altre parole, non aderisce ancora completamente alla terapia: una sorta di fuga dalla realtà che può avere un epilogo piuttosto amaro.

Diabete, quando le parole pesano come pietre

Il tentativo di sfuggire alla cura può indurre una fase di depressione dove prevalgono pessimismo, sfiducia in sé, isolamento ed eventualmente atteggiamenti di irascibilità e di aggressività verso tutto e tutti. In questo periodo le parole pesano come pietre e i minimi particolari possono avere per la persona un’importanza enorme: le parole del medico, degli infermieri, dei familiari assumono una notevole rilevanza e possono diventare occasione di speranza o, al contrario, di demoralizzazione.

Accettazione ed equilibrio metabolico

L’ultima fase è quella dell’accettazione attiva del diabete che diventa il “mio diabete”, un vero e proprio modo di vivere, uno stato di salute condizionato non più da una patologia su cui non si può esercitare alcun controllo. Come risultato si ottiene un buon equilibrio metabolico e quindi una prevenzione delle complicanze, attraverso l’integrazione armonica con l’equipe curante e l’adeguamento al regime terapeutico che viene così inserito negli schemi di comportamento quotidiani.

Ti è stato utile?

Questo form non prevede risposta. Per ogni domanda o richiesta informazioni, utilizza il form della pagina "Contattaci"

Ti può interessare anche:
  • Diabete in tarda età: consigli di educazione terapeutica

    L’insulino-resistenza e la ridotta tolleranza al glucosio sono fenomeni frequenti nella terza età. Ma come affrontare il diabete se sei over 65? Ecco per te qualche suggerimento di educazione terapeutica, sviluppato su tre ...

    Scopri di più
  • Il diabete gestazionale: scopriamo di più

    Durante il periodo di gravidanza, nel 7% delle donne aumentano i livelli di glucosio nel sangue come mai registrati in precedenza. Ma il diabete gestazionale è una patologia temporanea che – per il 95% dei casi – scompare dopo la ...

    Scopri di più
  • Il diabete raccontato ai più piccoli

    L’arrivo del diabete per il piccolo di famiglia è un momento delicato. Come comportarsi con tuo/vostro figlio quando gli è stato diagnosticato il diabete? I bambini con diabete vivono la quotidianità come i loro coetanei. La ...

    Scopri di più
Potrebbe interessarti
  • Trattamento intensivo Re-Vita

    È il trattamento intensivo ad azione sinergica che si prende cura del benessere del tuo piede a 360°. La sua azione combina 3 diversi prodotti: Re- ...

    scopri di più
  • Calze antidesquamanti Re-Derma

    Re-Derma è la linea di calze antidesquamanti per il benessere del tuo piede, composte da tessuto anti-sfregamento in fibra di rame, senza cuciture.

    scopri di più
  • Safe Container

    È il contenitore Pic per raccogliere e smaltire gli aghi che hai appena finito di utilizzare.

    scopri di più