Ipoglicemia e iperglicemia: zucchero e cervello

Le crisi ipoglicemiche, e più raramente quelle iperglicemiche, sono una variabile che a volte può condizionare la vita di tutti i giorni delle persone con diabete. Ma quali sono le cause che scatenano le ipo e le iperglicemie? Per capire perché sia importante avere la glicemia sotto controllo - e come si sviluppano queste crisi - dobbiamo addentrarci nel corpo umano.

Il glucosio è la benzina del cervello

I valori della glicemia dipendono dalla concentrazione di glucosio nel sangue, una sostanza fondamentale per il metabolismo del cervello. Il glucosio è un genere di zucchero ed è anche il carburante delle nostre attività cognitive: le performance di abilità come memoria, calcolo e linguaggio sono legate anche al livello di glucosio nel sangue. Il cervello non è in grado di sintetizzare il glucosio né di immagazzinarlo da qualche parte, dipende interamente dal glucosio rilasciato da altri organi del nostro corpo, prima di tutti il pancreas. Quando le cellule del pancreas che dovrebbero produrre insulina, un ormone che regola il livello di zuccheri nel sangue, non funzionano a dovere, allora la concentrazione di glucosio diminuisce provocando quel fenomeno conosciuto come ipoglicemia. Quando gli zuccheri nel sangue scendono sotto una certa soglia si compromette il cosiddetto equilibrio glicemico e il primo a farne le spese è proprio il nostro cervello che risulterà un po’ “annebbiato”.

Ipoglicemia: zuccheri sotto la soglia

In una persona sana, il livello di glucosio nel sangue si mantiene in una forbice compresa tra 70 e 110 mg/dl anche quando si è a digiuno grazie a una serie di processi fisiologici che riequilibrano la concentrazione di glucosio. Quando la glicemia diminuisce oltre i livelli limite, nei casi di ipoglicemia, il nostro organismo reagisce con una serie coordinata di azioni, in particolare la produzione di insulina per ristabilire la giusta proporzione di zuccheri. Se però questo meccanismo di difesa zoppica, il glucosio può essere comunque introdotto nell’organismo in almeno due modi: il consumo di carboidrati o l’iniezione esterna di insulina. Molte ricerche medico-scientifiche hanno dimostrato comunque quanto sia difficile individuare un esatto valore per la comparsa dei sintomi dell’ipoglicemia. In persone abituate a mantenere livelli glicemici elevati possono presentarsi i sintomi di ipoglicemia anche con valori di glicemia superiori a 65 mg/d. Al contrario quando l’organismo ha un controllo glicemico ben rodato non è detto che l’ipoglicemia si manifesti con valori al di sotto di 65 mg/dl.

Le cause esterne dell’ipoglicemia: insulina, digiuno, alcol

L’ipoglicemia si manifesta più frequentemente in età infantile rispetto a quella adulta e può avere una predisposizione genetica. Negli adulti le principali cause di ipoglicemia sono in assoluto rappresentate da farmaci e in particolare dall’insulina, l’ormone che presiede al metabolismo degli zuccheri nel nostro corpo ma che può, se introdotto in dosi eccessive, provocare l’ipoglicemia. Secondo alcune ricerche le persone con diabete che assumono insulina sono i profili più a rischio di ipoglicemia a causa di una probabilità pari a otto episodi all’anno di ipoglicemia moderata e uno grave. Nel paziente con diabete, oltre quindi a un dosaggio sbagliato di insulina, le cause dell’ipoglicemia possono essere ricondotte per esempio a un’attività fisica intensa non programmata o senza un’adeguata compensazione alimentare, a un digiuno prolungato o all’assunzione di bevande alcoliche a stomaco vuoto.

Iperglicemia, quando il glucosio è alle stelle

Di segno completamente opposto è l’iperglicemia, un fenomeno che si verifica quando i valori di glucosio nel sangue sono molto elevati, superiori a 180 mg/dl. Anche in questo caso, come nell’ipoglicemia, le cause dell'iperglicemia sono da ricondurre all’insulina, introdotta in dosi insufficienti o con azione inefficace. Tra le altre cause ci possono essere la mancata aderenza alla terapia, un maggiore fabbisogno di insulina o una scorpacciata di carboidrati in soggetti predisposti oppure anche l’assunzione di farmaci diabetogeni.

Ti è stato utile?

Questo form non prevede risposta. Per ogni domanda o richiesta informazioni, utilizza il form della pagina "Contattaci"

Ti può interessare anche:
  • Diabete in tarda età: consigli di educazione terapeutica

    L’insulino-resistenza e la ridotta tolleranza al glucosio sono fenomeni frequenti nella terza età. Ma come affrontare il diabete se sei over 65? Ecco per te qualche suggerimento di educazione terapeutica, sviluppato su tre ...

    Scopri di più
  • Il diabete gestazionale: scopriamo di più

    Durante il periodo di gravidanza, nel 7% delle donne aumentano i livelli di glucosio nel sangue come mai registrati in precedenza. Ma il diabete gestazionale è una patologia temporanea che – per il 95% dei casi – scompare dopo la ...

    Scopri di più
  • Il diabete raccontato ai più piccoli

    L’arrivo del diabete per il piccolo di famiglia è un momento delicato. Come comportarsi con tuo/vostro figlio quando gli è stato diagnosticato il diabete? I bambini con diabete vivono la quotidianità come i loro coetanei. La ...

    Scopri di più
Potrebbe interessarti
  • Trattamento intensivo Re-Vita

    È il trattamento intensivo ad azione sinergica che si prende cura del benessere del tuo piede a 360°. La sua azione combina 3 diversi prodotti: Re- ...

    scopri di più
  • Calze antidesquamanti Re-Derma

    Re-Derma è la linea di calze antidesquamanti per il benessere del tuo piede, composte da tessuto anti-sfregamento in fibra di rame, senza cuciture.

    scopri di più
  • Safe Container

    È il contenitore Pic per raccogliere e smaltire gli aghi che hai appena finito di utilizzare.

    scopri di più