• CONDIVIDI:

Cerotti post operatori

Cerotto post operatorio AquaBloc

Cerotti classici impermeabili

Elevata impermeabilità contro acqua e batteri, anche dopo un intervento.

COS’È?

È una medicazione impermeabile per ferite chirurgiche o estese con tampone con antibatterico (Clorexidina), sottile e trasparente. Piscina, mare o docce non sono più un problema.

COSA FA PER TE?

In caso di operazioni – anche con punti di sutura – o ferite di grandi dimensioni è utile un cerotto che unisca praticità, igiene e resistenza. Aquabloc protegge la ferita dai rischi di infezione, grazie all’azione ad ampio raggio della Clorexidina. Ma soprattutto fa da barriera all’acqua a lungo.

LA SUA PARTICOLARITÀ?

È così resistente e traspirante che puoi tenerlo più giorni: in più, essendo trasparente, gli altri quasi non lo notano. E ancora: si adatta facilmente a tutte le parti del corpo, anche le più difficili.

IN CHE FORMATO PUOI TROVARLO?

È disponibile in un’ampia gamma di misure, per lasciarti la libertà di scegliere il cerotto più adatto alla tua ferita.

È un Dispositivo Medico CE 0373. Leggere attentamente le istruzioni d’uso.
Autorizzazione Ministeriale del 24.12.2015

Consigli per te
  • Disinfettanti, l'arma contro le infezioni

    Che cosa contengono i disinfettanti che si utilizzano per prevenire le infezioni sulle ferite? Le soluzioni principali offerte dalla chimica medica sono 2: l’ipoclorito di sodio, il primo disinfettante moderno utilizzato durante la Prima Guerra Mondiale, e il perossido di idrogeno, la comune acqua ossigenata.

    scopri di più
  • Il tetano, un'infezione che parte dalla ferita

    Il tetano è provocato dalle spore del Clostridium tetani, un batterio ospitato spesso nel terriccio così come nelle siringhe infette che entra nel corpo umano attraverso una ferita. Spesso il tetano inizia con un semplice incidente, ma le conseguenze, in assenza di vaccinazione, possono essere anche gravi.

    scopri di più
  • La ferita, una frattura “a pelle”

    Le ferite sono lesioni della pelle che ne interrompono la continuità. È come se sulla superficie del corpo si aprisse una frattura, una lacerazione. Può essere una ferita “da niente” o qualcosa di più grave: la parola ferita si usa con declinazioni diverse, dall’abrasione alla ferita chirurgica. Vediamo di cosa si tratta.

    scopri di più