• CONDIVIDI:

Disinfettanti, l'arma contro le infezioni

Che cosa contengono i disinfettanti che si utilizzano per prevenire le infezioni sulle ferite? Le soluzioni principali offerte dalla chimica medica sono 2: l’ipoclorito di sodio, il primo disinfettante moderno utilizzato durante la Prima Guerra Mondiale, e il perossido di idrogeno, la comune acqua ossigenata.

Per scongiurare rischi, quando si è di fronte a una ferita, è necessario prima di tutto evitare infezioni. Batteri e altre sostanze pericolose non aspettano altro che una ferita apra la porta di ingresso per infiltrarsi nel corpo umano. L’unica soluzione per prevenire questa sorta di aggressione esterna sono i disinfettanti, un rimedio offerto dalla chimica medica indirizzato a fare piazza pulita di questi ospiti indesiderati. L’uso dei disinfettanti ha 2 obiettivi: da una parte mettere al riparo la ferita dalle infezioni, dall’altra ridurre il rischio di contagio di eventuali patologie (HBV, HCV, HIV, patologie batteriche, micosi, ecc.) per gli operatori sanitari.

Rapido, ad ampio spettro e compatibile: il disinfettante ideale

Il disinfettante perfetto deve soddisfare numerosi requisiti per essere davvero efficiente: un ampio spettro d’azione contro le diverse forme microbiche e virali, rapidità d’azione, tollerabilità e compatibilità con i tessuti sul quale viene applicato. Il disinfettante ideale poi non dovrebbe mai interferire con la lesione.

I radicali liberi: l’azione del disinfettante contro i batteri

Il disinfettante è chiamato a fare un tipo di attività battericida sulla ferita: si tratta di un intervento di pulizia che mette al riparo la ferita da qualsiasi tentativo di colonizzazione da parte di batteri. L’attività battericida del disinfettante è legata ad un’azione di ossidazione. Difatti la soluzione, a contatto con i batteri, rilascia radicali liberi che tendono ad eliminare la sorgente dell’infezione ossidandola.

Il disinfettante delle origini: la soluzione Dakin-Carrel

Ancora oggi la maggior parte dei disinfettanti deriva dalla prima forma di medicazione moderna, la soluzione Dakin-Carrel inventata a fine Ottocento basata sull’ipoclorito di sodio. Certo oggi i preparati hanno un livello minore di tossicità rispetto alla formula originale, ma conviene ricordare che la soluzione Dakin-Carrel è stata la principale medicazione utilizzata durante la Prima Guerra Mondiale. Ma che cos’era esattamente? La soluzione era una variante, con minori controindicazioni, del principio attivo della comune varechina.

Disinfettanti, ieri e oggi

L’ipoclorito di sodio, scoperto più di 100 anni fa è ancora oggi una delle soluzioni di riferimento, sebbene non più nella composizione di fine Ottocento, per i disinfettanti. Sul mercato è in concentrazioni che variano tra l’1.5 e il 15 per cento. Per l’uso domestico, di solito, non si supera una concertazione del 5 per cento di cloro attivo.

Disinfettanti: conoscere l’acqua ossigenata

Un altro discorso riguarda invece l’acqua ossigenata. Scoperta a inizio Ottocento, con il nome scientifico di perossido d’idrogeno, è un composto chimico liquido di aspetto simile a quello dell’acqua con la quale si può diluire. Come per l’ipoclorito di sodio, anche l’acqua ossigenata disinfetta per ossidazione ma è meno efficiente e ha un’azione battericida inferiore a quella dell’ipoclorito.

Ti è stato utile?

Questo form non prevede risposta. Per ogni domanda o richiesta informazioni, utilizza il form della pagina "Contattaci"

Ti può interessare anche:
  • Dopo l'intervento, la ferita chirurgica ha bisogno di te

    Le ferite chirurgiche non sono uno scherzo: per questo devi conoscere le regole e le soluzioni per una rapida guarigione. Primo passo: tieni pulito l’ambiente dove passi il tuo tempo. Per la medicazione poi, ti servirà anche un disinfettante per metterla al riparo da batteri che potrebbero causare un’infezione. E non usare prodotti tossici!

    Scopri di più
  • Come preparare il kit di pronto soccorso?

    Secondo l’Istat in Italia ci sono una media di 1,2 incidenti domestici per persona all’anno. Ecco un buon motivo per cui dovresti sempre avere un kit di pronto soccorso a portata di mano. Non sai come comporlo? Ti aiutiamo noi.

    Scopri di più
  • Calma e sangue freddo: 4 sì e 4 no per medicare tagli e abrasioni

    Ti sei tagliato? Nessun problema, mantieni la calma. Per reagire a una ferita di lieve entità ci sono alcune cose da fare, per esempio valutare il tipo di emorragia e bloccare il sanguinamento. Scopriamole insieme.

    Scopri di più
Potrebbe interessarti
  • Disinfettanti

    Sono le soluzioni disinfettanti con azione battericida e antisettica.

    scopri di più
  • Compresse Stericompress

    Le compresse Stericompress sono garze sterili in cotone idrofilo.

    scopri di più
  • Cerotto strip Family

    È un kit di cerotti con tampone con antibatterico (Clorexidina) che ti offre una soluzione per tutte le esigenze della famiglia.

    scopri di più